ANNO 47° - n. 43 del 27 Ottobre 2021

URBS INFORMAZIONI

Settimanale a carattere informativo, culturale, tecnico, sportivo

esce il mercoledì

Autorizzazione Tribunale di Roma n. 14621 del 03.07.1972 - Proprietario, editore, direttore responsabile: Maurizio Longega

Direzione, redazione, amministrazione: via Cesare De Fabritiis 133, palazzina a, box 9, 00136 Roma

Tel. 330734215

CORRISPONDENZA - POSTA ELETTRONICA: mlongega@quipo.it

SITO: http://www.longegamaurizio.it

stampa in proprio in soluzione informatica - divulgazione gratuita - le notizie possono essere liberamente riprodotte

in caso di cattiva ricezione o messaggio incompleto contattare il numero telefonico 330/734215

Il settimanale Urbs Informazioni offre un servizio, non effettuata intermediazioni e non riceve commissioni,

non risponde del contenuto e della puntualità di uscita degli articoli, nonché degli annunci e della pubblicità.

Non è responsabile di eventuali ritardi e/o perdite causate da mancata o errata pubblicazione.

Non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni nella pubblicazioni di notizie, annunci, leggi, ordinanze o bandi di concorso o parti di essi.

La collaborazione sarà richiesta solo dalla direzione che si riserva il diritto, a suo insindacabile giudizio, di pubblicare, ripetere, rifiutare o sospendere le inserzioni, gli articoli,.

Le foto ricevute, anche se non pubblicate, non saranno restituite.

Gli articoli pubblicati con nome e cognome dell’autore rispecchiano soltanto il pensiero dell’articolista.

Gli spazi presenti nel sito: “longegamaurizio.it” sono parte integrante del settimanale

a carattere informativo, culturale, tecnico, sportivo “Urbs Informazioni”

 

Dal 1° gennaio 2009 sulla linea 0639722092 non è più attivo il fax,

comunicazioni  solo per  posta elettronica.

 

2ML

Direttore responsabile

Maurizio Longega

 

In questo numero:

 

Covid

Alto Adige e Austria

 

MONTE PASchI DI SIENA

Avanti un altro

Pubblichiamo il comunicato ricevuto dall'Associazione Diritti Utenti e Consumatori di cui approviamo il contento.

 

Monopattini e riforma codice strada.

Promemoria e criticità per il legislatore

 

REGIONE LAZIO

BONAFONI (CIVICA ZINGARETTI): INTITOLAZIONE SALA A BARTOLONI

OMAGGIO A UOMO E A PROFESSIONISTA

 

Notizie anche negli spazi:

 

·                    Sport

 

SOFIA GOGGIA

ORGOGLIO FIAMME GIALLE

 

VELA

2021 Zhik 29er European Championship

Gli irlandesi Norwood-van Steenberge chiudono le qualificazioni da leader

 

ASICS FIRENZE MARATHON

40 GIORNI ALL’EVENTO

 

·                    Notizie utili

 

NEL PAESE DEL SOLE E DEL MARE

ECCO LA GEOGRAFIA DEL FOTOVOLTAICO

DISEGNATA DA ENERGRED.COM

 

SONO 1.040 LE OPERE INCOMPIUTE O BLOCCATE IN ITALIA E 31 I MILIARDI DI EURO BRUCIATI

CASI COME QUELLO DEL PONTE DELL'INDUSTRIA NELLA CAPITALE SI POSSONO PREVENIRE

INVECE ANCORA SPRECHI E INEFFICIENZE

 

Asylum Fantastic Fest

dal 28 ottobre al 1° novembre a Valmontone Outlet

 

LE PRINCIPALI FRODI INFORMATICHE

 

·                    Istruzione

 

AL VIA TRE SEMINARI GRATUITI DEDICATI AL CINEMA

6 – 13 – 20 NOVEMBRE 2021, VERONA

DIRETTI DAL REGISTA MARCO POLLINI

 

L’uso professionale di Facebook per giornalisti e comunicatori

 

IL CORSO DI RECEPTIONIST

 

Personal & Business Storytelling

Uno straordinario strumento di comunicazione

 

Per gli studenti

PICCOLA FILOSOFIA DI VIAGGIO

 

°°°°°°°

°°°

°

 

Covid

Alto Adige e Austria

 

Lo scorso anno, il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, in relazione al covid e in particolare sulla gestione delle aperture e chiusure dei locali dichiarava: il  nostro punto di riferimento è l'Austria. Orgoglioso dei ricordi dell'impero Austro-Ungarico, le direttive del governo italiano non erano condivise mentre quelle austriache erano il modello.

Ora il governo austriaco ha varato un piano che prevede il confinamento (lockdown) solo per le persone non vaccinate, l'accesso ai luoghi di ritrovo solo alle persone vaccinate e guarite e non a quelle con tampone negativo.

"Tutte le persone non vaccinate devono essere consapevoli che non sono responsabili solo della propria salute, ma anche di quella degli altri. Non permetterò che il sistema sanitario venga sovraccaricato perché ci sono ancora persone che esitano nel farsi vaccinare", ha dichiarato il neo cancelliere austriaco Alexander  Schallenberg.

Ora, si pensi a cosa accadrebbe se il modello austriaco fosse recepito anche in Alto Adige.

Kompatscher è bene che sia più cauto nelle affermazioni autonomistiche, nelle quali c'è tanta emozione, ma poca ragione.

 

MONTE PASchI DI SIENA

Avanti un altro

Pubblichiamo il comunicato ricevuto dall'Associazione Diritti Utenti e Consumatori di cui approviamo il contento.


Con la rottura, al momento, della trattativa Stato-Unicredit per l’uscita dello Stato da Mps e l’ingresso di Unicredit, i problemi che prima erano stati buttati sotto il tappeto, ritornano evidenti. Con il contorno di una pletora di politici, economisti, soggetti mediatici che ci hanno ricamato (ammiratori e detrattori insieme) che oggi si manifestano con silenzi, ironie, sconfitte, vittorie e ipotesi di vario tipo . Un circo mediatico e politico che trova nuovo vigore. Spettatori non protagonisti: risparmiatori e vittime di Mps in questi anni, dipendenti che cominciano a farsi domande, la città e il sistema economico “Siena”.

Una banca, Mps, che ha dominato la scena economica e politica e che si è distinta per tanti prodotti ingannevoli, e per non essere mai riuscita a fare da sé e ne è sempre venuta fuori con l’aiuto dello Stato. Banca che oggi è controllata dallo stesso Stato e che, per rispetto di norme e disposizioni comunitarie molto tolleranti fino ad oggi, deve abbandonare.

Se la fabbrica di pelletteria di nostro zio a Padova o Pontedera o Lecce o Palermo fosse stata gestita con altrettanta “mano larga”, nostro zio o sarebbe in galera o all’altro capo del mondo in un Paese che non ha estradizione verso l’Italia per reati finanziari. Ma il sistema/metodo bancario italiano – quello in cui le banche non devono mai fallire – non lo consente.

E ci risiamo.

Ammesso che Unicredit, fatta la mossa, non si accontenti dei pochi miliardi che lo Stato le dà, o ammesso che lo Stato con l’acqua alla gola non trovi nessun altro “straccione” per i pochi spiccioli che ha destinato alla bisogna cosa succederà?

Già si legge di possibili proroghe europee alla scadenza entro cui lo Stato avrebbe dovuto mollare, ma non si possono escludere soluzioni di fantasia già sperimentate e nuove (dopo la vicenda – pur se in altro settore, ma con le medesime logiche - Alitalia/Ita, i risultati si possono paventare come solidi).

E mentre noi (compreso lo zio che non fugge nei paradisi fiscali o va in galera) non riusciamo a pagare l’affitto e gli stipendi al personale, apprestiamoci al nuovo circo. I personaggi e gli interpreti già li conosciamo. Facciamone tesoro per i soldi che diamo al Fisco e quelli che depositiamo in banca.

Monopattini e riforma codice strada

Promemoria e criticità per il legislatore

 

Le commissioni Ambiente e Trasporti della Camera stanno esaminando gli emendamenti al testo di riforma al codice della strada, soprattutto per definire nuove regole per i monopattini elettrici.

La loro presenza sulle strade urbane ha creato molti problemi mediatici e alcuni problemi pratici a utenti e istituzioni locali.

Queste ultime hanno anche provato a regolamentarne l’uso per conto proprio e, tra bocciature del Tar (la materia è solo nazionale) e annunci andati a vuoto, sembra che siano tornate sui loro passi.

La settimana scorsa il Parlamento europeo, in via definitiva, ha approvato una direttiva che modifica e precisa alcune norme relative alla Rc-auto.

Per i monopattini e simili (hoverboard, segway, monowheel, bici elettriche e così via) non è obbligatoria l’assicurazione a condizione che la velocità massima del motore non superi i 25 Km/h.

Un punto fermo?

No, solo l’affermazione di un principio di sicurezza e cautela, perché la direttiva non esclude che i singoli Stati possano imporre la polizza anche a questi mezzi.
Il nostro legislatore quindi ha carta bianca per decidere, oltre all’assicurazione: targa, casco e velocità, e chissà cos’altro.

E’ bene ricordare che queste norme che si apprestano ad approvare non potranno non essere valide per le biciclette elettriche, salvo che non le escludano esplicitamente e dovranno spiegare il perché agli utenti e alla giustizia per eventuali ricorsi.

Quello che si chiede è coerenza e adesione alla realtà.

E’ difficile, soprattutto perché la mediaticità impone di fare anche il “muso duro” per sembrare determinanti, ma si tratta di provvedimenti che segneranno la nostra mobilità urbana nei prossimi anni. Soprattutto considerando che i mezzi oggetto delle nuove norme sono una delle più valide e riconosciute alternative ai mezzi tradizionali/antichi di locomozione urbana e se, per esempio, si deve pagare una polizza assicurativa e/o sostenere costi per targa e altro, presumibilmente per importi maggiori di quanto costa il mezzo, lo stimolo ad utilizzarli sarà molto fiaccato.

 

REGIONE LAZIO

BONAFONI (CIVICA ZINGARETTI): INTITOLAZIONE SALA A BARTOLONI

OMAGGIO A UOMO E A PROFESSIONISTA

 

Così in una nota la capogruppo della Lista Civica Zingaretti al Consiglio regionale del Lazio Marta Bonafoni. 

“Con l’intitolazione della Sala della presidenza alla memoria di Giovanni Bartoloni il Consiglio regionale del Lazio rende omaggio a un uomo gentile e professionista impagabile e apprezzato, portavoce della presidenza del Consiglio regionale stroncato dal Covid-19 il 25 ottobre 2020. A lui il nostro ricordo commosso e riconoscente a un anno dalla sua dolorosa scomparsa e il nostro più caloroso abbraccio di vicinanza alla famiglia”.

 

SPORT

 

SOFIA GOGGIA

ORGOGLIO FIAMME GIALLE

 

E’ davvero festa grande in casa Fiamme Gialle, poco dopo l’ufficializzazione della notizia che sarà l’Appuntato della Guardia di Finanza Sofia Goggia il portabandiera dell’Italia alle Olimpiadi invernali di Pechino del prossimo febbraio.

La campionessa bergamasca, primo oro Olimpico femminile dello sci azzurro in discesa libera a PyeongChang 2018, un argento (in supergigante ad Are 2019) ed un bronzo (in gigante a St. Moritz 2017) ai Campionati Mondiali, due Coppe del Mondo di discesa libera (2017/18 e 2020/21), 31 podi in Coppa del Mondo, di cui 11 vittorie, ha reso tutta la famiglia gialloverde, ancora una volta, orgogliosa di essere da lei rappresentata.

Sofia infatti ha da sempre fortemente incarnato, anche pubblicamente, molti dei valori che caratterizzano il Corpo, a partire dal “Nec Recisa Recedit”, motto della Guardia di Finanza, da lei più volte citato come mantra che l’ha ispirata nei tanti momenti difficili della sua carriera. Capacità di rialzarsi, non solo fisicamente, dopo ogni infortunio, resilienza, spirito agonistico e straordinaria professionalità, puntiglio nella cura di ogni particolare del suo lavoro, sono le caratteristiche cha hanno portato la Goggia a tagliare i suoi prestigiosi traguardi, cui oggi si aggiunge quello di rappresentare l’intero Paese ai Giochi Olimpici invernali di Pechino.

E tutte le Fiamme Gialle, oggi, hanno un motivo in più per essere fieri di lei!

 

VELA

2021 Zhik 29er European Championship

Gli irlandesi Norwood-van Steenberge chiudono le qualificazioni da leader

 

Una lunga attesa seguita dalla disputa di due prove che hanno chiuso ufficialmente le batterie di qualificazione del 2021 Zhik 29er European Championship, promuovendo in vetta alla classifica gli irlandesi Tim Norwood e Nathan van Steenberge (oggi 2-1): questo il sunto della terza giornata di questa prestigiosa rassegna continentale, organizzata dalla Fraglia Vela Riva in collaborazione con l'International 29er Class Association.

A complicare la giornata ci ha pensato la brezza che, complice la pesante coltre di nuvole che ha insistito sul nord del Benaco, ha faticato a stendersi più del previsto per poi manifestarsi in forma "navigabile" verso le 16.

Come detto, le prove, utili a definire la flotta Gold che da domani si contenderà a tutti gli effetti il titolo europeo di questo competitivo doppio acrobatico, hanno determinato l'ennesimo cambio della guardia, traghettando al comando il citato binomio irlandese, seppur alla pari con gli ungheresi Attila Toth e Levente Borda (1-3), unici a non aver mai abbandonato le zone alte della classifica a dimostrazione di una certa solidità di piazzamenti.

A due punti dalla coppia di testa, difendono la terza posizione i danesi Jens-Christian e Jens-Philip Dehn Toftehoj (1-11) che nella seconda prova di oggi sono finiti in doppia cifra per la prima volta.

Leggera flessione per Lorenzo Pezzilli e Tobia Torroni (13-5) che, scartato il venticinquesimo ottenuto nella prima regata, hanno dovuto loro malgrado tenere i tredici punti rimediati nella prova che ha aperto la giornata odierna e sono finiti al quarto posto, in ritardo di quattro punti rispetto ai leader.
Ancora Irlanda al quinto posto, con Ben O'Shaughnessy e James Dwyer Matthews (2-10) alla pari con il binomio del Circolo Velico Ravennate.
Perdono quota gli equipaggi misti e i femminili: i primi sono guidati dalla coppia olandese composta da Yanne Broers e Michiel Dam (10-10), la cui performance è valsa sino ad ora il tredicesimo posto, mentre tra le "quote rose" comandano Malika Bellomi e Beatrice Corti (1-28); l'equipaggio del Circolo Velico Arco, leader tra le altre cose del raggruppamento Under 17 femminile, è diciassettesimo e si è cavato la soddisfazione di chiudere le qualifiche un punto davanti alle svedesi Hannah Maurer e Ebba Berntsson, seconde assolute tra le donne e ventesime overall.

Lo Zhik 2021 29er European Championship riprenderà domani alle 13 con la disputa delle prime prove valide per la Gold, la Silver, la Bronze e la Emerald Fleet. Dalla fase di qualificazione gli equipaggi porteranno con sé un monte punti non scartabile pari alla posizione ottenuta nella classifica overall.

CS - Campionato C1 Futsal

Prima sconfitta per la Midland contro La 10 Livorno

 

Prima sconfitta stagionale dei ragazzi di Dino Del Re, contro una formazione di qualità che merita di poter giocare le partite casalinghe in ben altro impianto. Le due compagini che si sono affrontate con determinazione in un rettangolo di gioco dalle dimensioni ridottissime (invece dell'ottimale 40x20 parliamo probabilmente di un 25x15).

Certo, in questa sfida a "supera il centrocampo e tira" per la Midland sarebbe stato fondamentale poter contare su uno dei suoi maggiori punti di forza la "saracinesca iberica" Emmanuel Cerezuela, invece sia lui che il suo secondo Becherucci hanno dovuto asistera alla gara a bordo campo.
Tocca a Tommaso Casini, all'esordio assoluto in maglia rosso-blu, difendere il fortino. La sua prova è egregia, ma non basta per portare a casa il risultato.
I primi due minuti sono da incubo per la Midland. In rapidissima successione: parata di piede di Casini, salvataggio di Celli sulla linea e sfortunatissimo auto-goal di Bonifacio su cross di Sireno.

Gli ospiti iniziano poi a raccapezzarsi e trovano il pareggio al settimo su una delle poche “azioni da futsal” viste nella serata: Tancredi Bonifacio si propone in avanti, triangola con Mounir El Oualja e trafigge il bravissimo Verani.

Un palo di Mounir da una parte e un montante esterno di Di Siena dall'altra fanno da preambolo ad altre tre reti. Di nuovo in vantaggio i livornesi con la conclusione di Sireno al 17°, pareggio Midland col diagonale di Mounir ribadito in rete da Barbato al 25° e labronici per la terza volta avanti grazie al tiro di Falleni con deviazione che inganna Casini al 28°.

Il primo tempo finisce con i giallo-neri in vantaggio per tre a due.

Al ritorno in campo i fiorentini appaiono molto più intraprendenti rendendosi pericolosi con Mitrado, due volte con El Oualja senior e con Barbato, ma proprio nel momento migliore degli ospiti, nel giro di pochi secondi, arrivano due reti dai soliti Sireno e Falleni che instradano definitivamente il risultato a favore dei livornesi.

Il resto è contorno, anche se trattasi di un contorno ricco di reti. Midland si avvicina due volte con Bonifacio e con il tiro libero di capitan Biagiotti, ma ci pensa Raddi, entrambe le volte, a tenere a distanza di sicurezza gli "emmecerchiati". Finisce, per chi avesse perso il conto, sette a quattro per La 10 Livorno che dopo l'ottimo pareggio esterno a Fucecchio si iscrive di diritto al club dei favoriti per il campionato.

L'esame vero per la Midland sarà il prossimo venerdì al Pala Sancat contro la Vigor Fucecchio, un'altra delle squadre favorite.

Marcatori:
2° p.t. Bonifacio - aut (L), 7° p.t. e 18° s.t. Bonifacio (M), 17° p.t. e 15° s.t. Sireno (L), 25° p.t. Barbato (M), 28° p.t. e 15° s.t. Falleni (L), 18° s.t. e 32° s.t. Raddi (L), 26° s.t. Biagiotti (M)

La 10 Livorno

1) Vernace, 2) Sireno, 5) Falleni, 6) Pittaro, 7) Raddi, 8) Principato, 9) Colucci, 11) Fakkak, 12) Verani, 14) Di Siena, 15) Cipriani, 16) Bruna.
All. Francesco Agosti

Midland G.S.
1) Benassai, 2) Lazzarelli, 3) El Oualja A., 4) Mitrado, 5) Celli, 6) Benfatto, 7) Pini, 8) Barbato, 9) Biagiotti, 10) El Oualja M., 11) Bonifacio, 22) Casini.
All. Dino Del Re

 

ASICS FIRENZE MARATHON

40 GIORNI ALL’EVENTO

 

Manca più o meno di un mese e mezzo alla Asics Firenze Marathon in programma l’ultima domenica di novembre, domenica 28 novembre 2021. Ecco le ultimissime e le attività collegate.

L’organizzazione coordinata da Giancarlo Romiti prosegue nei lavori e conferma che sarà organizzato un solo evento, quello della maratona sulla distanza certificata di 42 km e 195 metri. Nessun evento collaterale il sabato. Non ci sarà né la staffetta, né la Family Run.

Nella settimana che precede la gara invece è confermata l’organizzazione della leva di atletica che coinvolge le scuole fiorentine, che si terrà all’Asics Firenze Marathon Stadium: “I +forti +veloci +resistenti di Firenze”. Le gare si svolgeranno il mercoledì e il giovedì precedenti l'evento, quindi il 24 e 25 novembre. Parteciperanno le scuole della provincia di Firenze sia primarie che secondarie. L’obiettivo è quello di coinvolgere almeno 1000/1200 studenti, anche per avviarli ed incuriosirli al mondo dell'atletica, che tanta luccicante “vetrina” ha avuto alle recenti Olimpiadi di Tokyo con le cinque medaglie d’oro sulle 10 totali che ha incamerato la squadra azzurra.

Confermato anche il Marathon Expo che precede l’evento, che come nelle passate edizioni sarà aperto il venerdì e il sabato, 26 e 27 novembre, dalle 9.30 alle 20. Cambia la location, non più alla Leopolda ma tutto torna, come qualche anno fa, all’interno dello spazio del Marathon Wellness in viale Malta (attiguo al Palasport di Firenze, il Mandela Forum) contiguo alla struttura indoor dell’Asics Firenze Marathon Stadium (anche essa utilizzata per ospitare gli stand). Tra l’altro il luogo è molto comodo per la logistica, anche perché a due passi c’è la fermata della stazione Firenze Campo Marte, mentre ad un centinaia di metri in linea d’aria c’è il parcheggio del Mandela Forum e della Piscina Costoli.

Per quanto riguarda la gara è confermato il percorso, suggestivo e apprezzatissimo, dell'edizione 2019, con la partenza e l’arrivo da Piazza del Duomo. Di fatto un anello di 42 km e 195 metri che tocca prima il Parco delle Cascine, il polmone verde di Firenze, e poi in sequenza quasi tutti i monumenti più famosi di Firenze, i Lungarni, oltre alla zona sportiva del Campo di Marte con l’altrettanto suggestivo attraversamento della pista di atletica dello stesso Asics Firenze Marathon Stadium. 

Confermata anche la logistica del servizio deposito borse, in piazza Santa Maria Novella, vicino a partenza e arrivo.

L’organizzazione, forte anche del supporto dello zoccolo duro di oltre 2500 volontari, marcia quindi a passo spedito, convinta di presentare un evento all’altezza della tradizione e dei successi delle precedenti edizioni. Intanto è conto alla rovescia anche per la “30 ‘n piana”, la gara su strada di 30 km che si tiene domenica 7 novembre, posizionata in calendario appositamente per essere l’occasione per correre nell’ultimo “lungo” prima della maratona. L’organizzazione è a cura dell’Atletica Campi, che torna a presentare la gara per la seconda volta, lavorando in stretta sinergia con il comitato organizzatore della Firenze Marathon. Per info: www.atleticacampi.it.

Le iscrizioni sono aperte on line, collegandosi al sito ufficiale www.firenzemarathon.it e alle piattaforme ad esso collegate.

Il sito ufficiale è aggiornato con tutte le info anche tecniche e le modalità di iscrizione e con le novità lega

 

NOTIZIE utili

 

NEL PAESE DEL SOLE E DEL MARE

ECCO LA GEOGRAFIA DEL FOTOVOLTAICO

DISEGNATA DA ENERGRED.COM

 

Risultano già ad oggi operativi nel nostro paese 986.313 impianti fotovoltaici di tutte le taglie, per una potenza attuale di 22,5 GW chesecondo le analisi tendenziali “business as usual” di EnergReda dicembre 2021 salirà a 23 GW, con un numero di impianti aggiuntivi pari a circa 554 unità.

Ma vediamo nella geografia tracciata da EnergRed come sono distribuiti a livello regionale gli impianti fotovoltaici per potenza e per numerosità in Italia.

Per quanto riguarda il numero di impianti, sul podio troviamo la Lombardia con 153.339 impianti, seguita da Veneto (140.883 impianti) ed Emilia-Romagna (102.827 impianti). Poi ancora seguono Piemonte (68.520), Lazio (66.112), Sicilia (63.068), Puglia (57.243), Toscana (51.243), Sardegna (41.839) e Campania (39.219), che messe insieme totalizzano oltre tre quarti del totale.

Se poi vogliamo concentrarci sulle province, è Roma a posizionarsi al primo posto con 39.365 impianti, seguita sul podio da Brescia (31.856) e Treviso (31.770). Le altre province nella top-10 di EnergRed sono Padova (29.243), Vicenza (25.879), Torino (24.965), Bergamo (22.219), Verona (22.182), Milano (21.278) e Venezia (21.258).

Per quanto riguarda invece la potenza installata al primo posto c’è la Puglia con 2,975 GW, seguita dalla Lombardia (2,668 GW) e dall’Emilia-Romagna (2,266 GW). Seguono Veneto (2,194 GW), Piemonte (1,775 GW), Sicilia (1,525 GW), Lazio (1,478 GW), Marche (1,153 GW), Sardegna (1 GW) e Campania (0,913 GW).

Cambiando prospettiva, secondo quanto ha potuto appurare EnergRed, a settembre 2021 risulta un installato fotovoltaico pro-capite nel nostro paese pari a 434 watt. Un traguardo di tutto rilievo, se consideriamo che a fine 2010 questo valore era di appena 61 watt.

Le regioni con il valore procapite più elevato sono Marche (756 watt procapite), quasi il doppio della media nazionale pari appunto a 434 watt, Puglia (741 W) e Basilicata (696 W) che si collocano sul podio. A seguire Sardegna (610 W), Molise (599 W), Abruzzo (596 W), Umbria (588 W), Emilia-Romagna (508 W), Friuli-Venezia Giulia (481 W) e Veneto (447 W).

Pioniere in questo settore rimane senz’altro EnergRed. Il suo «flagship project», quello nel comune di Villetta Barrea (L’Aquila), nel cuore del Parco Nazionale, è stato il primo progetto italiano di «comunità a impatto energetico quasi zero», andando a riqualificare una piccola centrale idroelettrica grazie ad una collaborazione pubblico-privato che vede il coinvolgimento dei cittadini attraverso il crowdfunding.

«Abbiamo voluto essere promotori ed artefici del ripristino delle centrali mini-idroelettriche italiane, un patrimonio architettonico e storico —quella di Villetta Barrea risale al 1910— fortemente identitario, con un importante impatto ambientale positivo. Per noi quello nel Parco Nazionale d’Abruzzo è un flagship project” attraverso il quale arrivare alla creazione di molteplici comunità energetiche a impatto quasi zero in tutt’Italia» sottolinea Moreno Scarchini, ceo di EnergRed (www.energred.com), E.S.Co. impegnata nel sostenere la transizione energetica delle pmi italiane con un particolare focus sulle fonti rinnovabili e sul solare fotovoltaico.

 

SONO 1.040 LE OPERE INCOMPIUTE O BLOCCATE IN ITALIA E 31 I MILIARDI DI EURO BRUCIATI

CASI COME QUELLO DEL PONTE DELL'INDUSTRIA NELLA CAPITALE SI POSSONO PREVENIRE

INVECE ANCORA SPRECHI E INEFFICIENZE

 

In tempi di PNRR ci si interroga sempre di più sulla capacità della pubblica amministrazione di realizzare con successo gli interventi prefissati. E quanto emerge non è sempre positivo.

Sono ben 640 le opere incompiute in Italia per un valore complessivo di 4 miliardi di euro a cui si aggiungono le 400 opere bloccate per motivi burocratico-autorizzativi o per contenziosi vari (per un valore di 27 miliardi di euro) per un totale di 1.040 opere incompiute o bloccate e 31 miliardi di euro.

La Sicilia è la regione con il maggior numero di grandi opere incompiute (162), pari al 25,3% del dato totale nazionale (640). Sul podio anche Sardegna con il 13,4% ed al terzo posto la Puglia con l'8,4%. E poi ancora Lazio (7%), Campania (6,4%), Basilicata (5,2) ed Abruzzo (4,8%).

Per quanto riguarda poi i tempi di realizzazione delle opere pubbliche, la media italiana è di 4,4 anni. Ma a livello territoriale si toccano valori ancora più elevati in Molise (5,7 anni), Basilicata (5,7 anni), Sicilia (5,3 anni) e Liguria (5,2 anni).

Le regioni più virtuose sono invece Lombardia ed Emilia Romagna, dove le opere infrastrutturali sono terminate con maggior velocità. Le due regioni si posizionano prime a pari merito con 4,1 anni di tempo medio di realizzazione.

Le infrastrutture sono uno dei nostri più grandi patrimoni nazionali. Eppure in Italia non esistono dati certi per ben 850.000 chilometri di strade, gallerie, ponti e cavalcavia. Non si può conoscere il numero esatto dei ponti, viadotti e gallerie in Italia, perché ancora non è attivo il catasto delle strade. E non è possibile sapere quante di queste infrastrutture abbiano raggiunto livelli preoccupanti di degrado.

Secondo le stime di Sensoworks in Italia i ponti sarebbero circa 1,5 milioni e calcolando poi le campate di ciascun ponte si arriverebbe già così a 4 milioni di strutture da revisionare. Sotto monitoraggio appena 60 mila ponti, per di più monitorati con i vecchi sistemi delle ispezioni. Eppure i controlli “statici” portano a creare situazioni di allarme ed anche gravi diseconomie molto spesso innecessarie.

Con il “Sistema Sensoworks” è possibile prevedere un evento infrastrutturale prima che si verifichi, non solo a livello di ponti e strade, ma anche a livello “building” nei palazzi, uffici e scuole. Anche l'incendio che ha interessato una passerella del Ponte dell'Industria nella Capitale si sarebbe potuto prevenire.

«Un ponte che si incendia è un fenomeno molto raro, il problema è più frequente in strutture ed infrastrutture chiuse quali ad esempio gallerie o edifici» avvisano gli esperti di Sensoworks (www.sensoworks.com), la startup italiana specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportato da piattaforme multilivello.

L’incendio che ha portato al crollo che ha interessato una delle passerelle metalliche del “ponte di ferro” che attraversando il Tevere nel pieno centro di Roma collega i quartieri Marconi e Ostiense, è quasi certamente di origine colposa o dolosa. Ma anche in questi casi un algoritmo consentirebbe di intervenire evitando ingenti danni e disagi.

«Il set di monitoraggio dinamico dei ponti include anche telecamere ad infrarossi che, anche se non espressamente configurate per la prevenzione di incendi proprio perché questa è una casistica storicamente irrilevante, avrebbero permesso di individuare dei segnali anomali e di intervenire con maggiore rapidità» spiega Niccolò De Carlo, ceo e co-fondatore di Sensoworks (www.sensoworks.com).

«Possiamo dire —prosegue De Carlo— che monitoriamo le strutture anche sotto questo punto di vista —quello dell’incendio— che contestualizzerei come uno degli aspetti del monitoraggio che applichiamo alle infrastrutture come plus. Insomma un incendio come questo lo avremmo predetto o prevenuto almeno in parte se avessimo monitorato dinamicamente il ponte grazie ai sensori termici e infrarossi insieme agli altri rilevatori di vibrazione, strain e via dicendo».

Il sistema Sensoworks prevede infatti specifici sensori per il monitoraggio e la prevenzione degli incendi, sensori per temperature, sensori per la fuga di gas e telecamere a infrarossi con algoritmi IA che permettono di individuare le situazioni anomale —ad esempio un incendio— rispetto alle situazioni normali —ad esempio una giornata estiva molto calda— evitando i falsi positivi.

Per la sicurezza dei 400 ponti di Roma Capitale si esegue un regolare monitoraggio, ma si preferisce ancora l’utilizzo delle vecchie metodologie, mentre quelle nuove consentirebbero interventi più economici su larga scala ed in continuo, con acquisizione automatica dei dati e gestione da remoto, permettendo di monitorare grandezze fisiche, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

«Il monitoraggio rappresenta un aspetto critico per il futuro perché il patrimonio infrastrutturale italiano, seppure progettato alla perfezione e manutenuto con grande impegno dagli enti e dalle società preposte, è stato ideato tenendo conto di una determinata sismicità che è variata nel tempo, così come è cambiato anche il contesto climatico» sottolinea il ceo di Sensoworks.

Secondo le stime di Sensoworks in Italia a poter beneficiare di questo tipo di monitoraggio dinamico-algoritmico sono 1,5 milioni di ponti, calcolando poi le campate di ciascun ponte si arriva a sommare 4 milioni di strutture.

Di queste solo 60 mila sono attualmente sotto monitoraggio, per di più monitorate con i vecchi sistemi delle ispezioni che portano sovente a situazioni di allarme innecessarie ed a gravi diseconomie.

 

Asylum Fantastic Fest

dal 28 ottobre al 1° novembre a Valmontone Outlet

 

Dopo il successo delle prime due edizioni, torna l’Asylum Fantastic Fest, il primo Festival d’Arte del Fantastico italiano, diretto da Claudio Miani, che quest’anno si svolgerà dal 28 ottobre al 1° novembre a Valmontone Outlet.

Dopo lo stop forzato dall’emergenza Covid-19, che ha fatto slittare l’edizione in presenza prevista nel 2020, l’AFF si prepara finalmente ad alzare il sipario e arricchisce l’evento con l’aggiunta di nuove sezioni e location.

L’Asylum Fantastic Fest, infatti, è un festival che mira ad unire cinema, arti visive, musica, arti performative e letteratura, ma anche il mondo dell’animazione, del fumetto e del game. Una vera e propria immersione nel mondo del fantastico in tutte le proprie declinazioni.

La manifestazione si terrà presso il Valmontone Outlet, il villaggio dedicato allo shopping gestito da Promos in provincia di Roma, e ospiterà, tra gli altri, artisti come Pupi Avati, Milena Vukotic e Maurizio Nichetti (Asylum Award alla carriera 2021), a cui sono dedicati anche le monografie edite da Asylum Press, e che verranno presentate nel corso del Festival.

Particolarmente ricca la sezione dedicata alla Settima Arte, in cui sono previsti: un focus sul cinema di genere con il “maestro del terrore italiano” Lamberto Bava; una retrospettiva “sull’universo nero” di Pupi Avati; una retrospettiva sui sogni di Maurizio Nichetti.

Non solo. Verrà presentato anche il nuovo e attesissimo film di Andrea Mastrovito I Am Not Legend, singolare e sofisticata rielaborazione del film di culto La notte dei morti viventi di George Romero (1968), in cui l’autore è intervenuto direttamente sulle immagini originali della pellicola, stravolgendola completamente. L’artista, infatti, ha lavorato su oltre centomila tavole, ottenute stampando in dimensione A4 tutti i fotogrammi del film di Romero, e cancellando le figure degli zombie con della pittura bianca da ogni singolo foglio.

Tra gli appuntamenti della sezione cinema sono da segnalare anche: la proiezione del film The Elevator di Massimo Coglitore; l’opera prima di Francesco Erba Come in cielo così in terra. Presente anche il regista Byron Rink che presenterà la nuova stagione della serie Fantasmagoria. Ma gli appuntamenti non finiscono qua: il regista David Petrucci sarà presente insieme all’attrice Jennifer Mischiati per il film Black Secret. Presente anche Antonio Losito per il corto "Pappo e Bucco" con Massimo Dapporto ed Augusto Zucchi.

Nella sezione letteraria: Roberto Carboni, autore di thriller di successo per la Newton Compton, terrà un workshop dedicato alla scrittura noir, rivolto tanto agli scrittori quanto ai lettori, dal titolo “Scrivere di paura”; Cinzia Tani presenterà in anteprima nazionale L’ultimo boia. Storia di un pubblico giustiziere pentito. Tra gli scrittori presenti anche: Paolo Di Orazio con Cronologica 1989 – 2009, Cristiana Astori con Fuori orario. 22 racconti del mistero, e in anteprima nazionale la Graphic Novel Anima Mundi, presentata dallo sceneggiatore Niccolò Ratto e dal disegnatore Renato Florindi.

Evento speciale per questa edizione “Gli appunti di Giorgio Faletti”, con la proiezione della pellicola di Fabio Resinaro Appunti di un venditore di donne, tratto dall’omonimo romanzo di Faletti, e l’incontro con Roberta Bellesini Faletti che ripercorrerà la storia letteraria noir di uno dei più eclettici scrittori italiani, prematuramente scomparso.

Tra gli appuntamenti da segnalare negli eventi speciali: Dalla Lanterna Magica alla Scatola Magica. Matebox, l’Arteterapia del musicista Matteo Scapin – una scatola magica di interazioni per bambini con disabilità e non.

Tra le novità di quest’anno, poi, ci sarà anche l’evento speciale di Luca Bussoletti, in arte Bussoletti, noto cantautore e speaker radiofonico, che intratterrà un ospite a sorpresa nel suo “Salotto sgualcito” Lingue a Sonagli (il format di successo andato in onda prima su Radio Cusano Campus e poi su Radio Rock).

Tutti gli eventi si terranno presso una tensostruttura, posizionata nella piazza centrale, allestita appositamente per ospitare i tanti appuntamenti in programma: dalle mostre pittoriche e fotografiche agli appuntamenti letterari con autori del genere noir, thriller e fantasy, dalle retrospettive cinematografiche agli incontri con registi, fino alle proiezioni in modalità Silent Movie.

E non poteva certo mancare un’area game dedicata a tutta la famiglia: due Escape Experience a tema fantasy per divenire il nuovo mago di HogWarts o per fuggire dal mondo del Sottosopra…

E ancora corner fotografici per i più avventurosi: una gogna, gli zombi di The Walking Dead e una sedia elettrica…

Per vivere la storia, l’arte e il passato direttamente dal 1560, invece, RENOIR, il Medico della Peste sarà presente con i suoi live painting da brividi…

L’AFF è un progetto realizzato dall’Officina d’Arte OutOut, con il Contributo del Comune di Valmontone, della Regione Lazio e del Valmontone Outlet.

 

LE PRINCIPALI FRODI INFORMATICHE

 

VIA MAIL – PHISHING.

Vengono inviate e-mail molto simili per grafica e contenuto a quelle della tua Banca, con l'obiettivo di indurti a fornire codici di accesso e password.

Come riconoscerlo: mittente sconosciuto o sospetto, errori ortografici nel testo, viene richiesto con urgenza di fornire dati riservati.

VIA SMS – SMISHING.

Vengono inviati messaggi di testo SMS che simulano per contenuto e mittente quelli della tua Banca, con l'obiettivo di reperire codici di accesso e password.

Come riconoscerlo: il messaggio contiene richieste inusuali, il messaggio crea allarmismo, numero o mittente sospetto.

VIA TELEFONO – VISHING.

Vengono effettuate telefonate da un finto Call Center dal quale un operatore o una voce registrata cercherà di indurti a comunicare i tuoi dati sensibili.

Come riconoscerlo: Con diversi pretesti, ti vengono richiesti dati personali, Vengono comunicate operazioni sospette o offerte imperdibili da confermare, subito.

Come difendersi.

Non rilasciare direttamente tramite e-mail, SMS o telefono le password o i codici della Carta, diffidare delle comunicazioni che richiedono di farlo.

Evitare di rispondere a e-mail, SMS e telefonate provenienti da mittente sconosciuto o sospetto.

Non aprire o scaricare mai gli allegati di una e-mail di dubbia provenienza, né cliccarne i link.

Qualora si riceva una comunicazione sospetta, segnalare l'accaduto, informando subito la banca o l’ente.

 

ISTRUZIONE

 

AL VIA TRE SEMINARI GRATUITI DEDICATI AL CINEMA

6 – 13 – 20 NOVEMBRE 2021, VERONA

DIRETTI DAL REGISTA MARCO POLLINI

 

A Verona, in Via Roveggia 17b, si terranno tre seminari gratuiti dedicati al cinema diretti dal regista Marco Pollini.

Il primo, dedicato al trucco cinematografico teatrale e televisivo, si terrà sabato 6 novembre alle ore 10:00 a cura di Evelyn Bruges; il secondo, a cura di Susanna Brunelli si svolgerà sabato 13 novembre alle ore 10:00 e sarà dedicato alla dizione e al doppiaggio; il terzo, infine, si terrà sabato 20 novembre alle ore 10:00 e sarà incentrato sul montaggio video e lo storytelling, a cura di Daniele Scarpi.

Tutti i seminari sono organizzati da Ahora! Film insieme con Now & Forever – Associazione Culturale APS.

NOTE DI MARCO POLLINI:

Ho incontrato l’Assessore Daniela Maellare, responsabile dei Servizi sociali, Turismo sociale, Lavoro, Istruzione e Personale per il Comune di Verona qualche mese fa, durante il difficile periodo del lockdown. È una persona preparata, capace e soprattutto con la giusta visione. Ha saputo cogliere l’importanza delle professioni legate all’audiovisivo e ha deciso così di sostenere questo progetto che prevede tre seminari gratuiti di trucco, storytelling e montaggio e uno di dizione e doppiaggio, in cui si farà una panoramica generale e poi, per chi sarà interessato, una serie di lezioni più specifiche, sempre nell’ottica di dare informazioni precise e pratiche legate a queste professioni. 

A Verona purtroppo ci sono pochi professionisti dell’audiovisivo, per questo abbiamo deciso di ‘donare’ alcune precise nozioni e consigli da Ahora! Film con l’Associazione Culturale APS N&F, che tutti i giorni lavorano nella produzione, promozione e distribuzione cinematografica”.

 

L’uso professionale di Facebook per giornalisti e comunicatori

 

Come possono i professionisti della comunicazione e dell’informazione utilizzare Facebook in modo professionale e soprattutto consolidare una community che riconosca in essi una fonte autorevole, affidabile e accurata di notizie? E come possono comprenderne gli aspetti tecnici, creare un piano di pubblicazione e una immagine coerente, monitorare i risultati? Il corso “Facebook per giornalisti e comunicatori” nasce proprio con l’intento di fornire i dettagli pratici per guidare passo-passo i partecipanti alla scoperta di questo social.

4 Novembre – 9,30-18.00

Docente: Stefania Rivetti

Costo del webinar: 120 euro, 99 € in Early Booking fino al 28 Ottobre

Nel corso del Webinar si apprende come:

Conoscere le diverse componenti di Facebook

Creare le proprie linee guida grafiche ed il piano editoriale

Pianificare i contenuti su Facebook

Verificare l'andamento dei contenuti: Analytics

Conoscere i comportamenti dei fruitori di Facebook

Usare le applicazioni per creare grafiche: es. Canva

Distribuire i post e individuare i gruppi più rilevanti

Aggregare una community e gestire i commenti

Si potrà seguire il webinar sia da computer che da smartphone o tablet.

Durante il corso sarà possibile: vedere e sentire il relatore, porre domande via chat, vedere le slide, partecipare alle discussioni. Al termine del corso verranno inviati a tutti il materiale didattico e l'attestato di partecipazione.

Informazioni: Centro di Documentazione Giornalistica - Piazza di Pietra 31 - Roma - 00186 - RM - Italia - info@cdgweb.it - +390669940143

 

IL CORSO DI RECEPTIONIST

 

Il settore turistico è in ripresa ovunque e le figure specializzate nell’accoglienza sono sempre più ricercate.

Con il corso di Receptionist di Mia Academy entri subito nel settore alberghiero grazie ad un percorso di studi modulare in e-learning personalizzato a seconda delle tue esigenze.

Teoria e pratica con possibilità di stage retribuito anche all’estero per fornirti tutta la formazione e l’esperienza necessarie a gestire l’accoglienza nelle strutture ricettive nazionali ed estere.

Mia Academy ti seguirà anche nella fase di accompagnamento al mondo del lavoro, con consulenza personalizzata e il sostegno della Mia Community.

OBIETTIVI DEL CORSO

Conoscenza delle strategie comunicative di accoglienza clienti

Padronanza delle procedure informatiche di check-in e check-out

Utilizzo dei diversi portali di prenotazione e degli strumenti tecnici di settore

Miglioramento delle capacità di problem solving e gestione clientela

SBOCCHI PROFESSIONALI

Receptionist in hotel a 4/5 stelle e di lusso, villaggi turistici, navi da crociera

Direttore di albergo

CERTIFICAZIONI E ATTESTATI

Diploma specializzazione

Attestato teorico/pratico

Attestato di stage, POSSIBILITÀ DI STAGE ALL'ESTERO RETRIBUITO!

Certificato di acquisizione delle conoscenze in materia di primo soccorso

Certificato di acquisizione delle conoscenze in materia trattamento dei dati

Certificato di acquisizione delle conoscenze in materia di prevenzione del Covid19

Certificato di acquisizione delle conoscenze in materia di sicurezza sul lavoro

Mia Academy è la scuola dei mestieri italiani che coniuga tradizione e innovazione con l’obiettivo di offrire agli allievi qualificate opportunità di lavoro e alle aziende personale specializzato e con una formazione al passo con i tempi e con le esigenze del mercato. La scuola non ha limiti geografici, opera infatti in tutta Italia e all’estero, grazie alla formula dei propri corsi, già ampiamente sperimentata con successo.

Informazioni: Mia Academy – Sance srl – Via Antares, 5 – 00012 Guidonia Montecelio (Rm) – Pec sance@pec.buffetti.it – numero verde +39 800 599 878 – Tel. +39 0694500285

 

Per gli studenti

PICCOLA FILOSOFIA DI VIAGGIO

 

La collana Piccola Filosofia di Viaggio nasce nel 2011 grazie alla partnership con la casa editrice francese Transborèal, ideatrice del format. Nell’autunno 2011 Ediciclo ha dato alle stampe tre titoli tradotti dal francese e il 14 ottobre, per festeggiare i primi 10 anni della collana che ha raggiunto ormai quasi 50 titoli, saranno in libreria 3 nuove pubblicazioni + 1 ristampa.

Com’è nata la collana

“C'era una volta, in una libreria di viaggio di Bordeaux, la stagista di una casa editrice italiana, che si trovava lì in vacanza. La ragazza tra gli scaffali individuò un libro che la incuriosì a tal punto che al suo ritorno lo mostrò entusiasta ai colleghi. Inizialmente l'opera francese non colpì particolarmente la redazione. Ma a una lettura più attenta, la prospettiva da cui quel libricino affrontava il tema del viaggio, ne suscitò la curiosità...”

Le tappe del "Piccola Filosofia di Viaggio Tour"

Presentazioni con gli autori della collana

Sabato 23 ottobre, ore 18.30 – Libreria Angolo dell’Avventura di Roma

Conversazione con gli autori: Roberto Carvelli, Marco Pastonesi, Natalino Russo e Alberto Sciamplicotti. Introduce Flavia Cotronei.

Venerdì 29 ottobre, ore 18.00 – “Le Murate” di Firenze in collaborazione con Libreria On The Road di Firenze. Conversazione con gli autori: Paolo Ciampi, Stefano Scanu e Mario Ferraguti. Modera Martina Castagnoli. Letture a cura di Federica Miniati.

Mercoledì 3 novembre, ore 21.00 – EVENTO ONLINE in collaborazione con Libreria Gulliver di Verona e Scuola del Viaggio. Conversazione con gli autori: Gino Cervi, Elisabetta Tiveron, Stefano Scanu e Mario Ferraguti. Modera Claudio Visentin. Con un intervento di Luigi Licci.

Lunedì 15 novembre, ore 21.00 – Circolo dei Lettori di Torino. Conversazione con gli autori: Enrico Camanni e Tiziano Fratus. Modera la giornalista Claudia Apostolo.

Martedì 16 novembre, ore 18.30 – Libreria Il Giralibri di Mestre. Presentazione de Il talento delle utilitarie. Con l’autrice Elisabetta Tiveron interviene Maria Fiano.

Domenica 21 novembre, Milano – ora, luogo e ospiti saranno resi noti nei prossimi giorni sul sito.