ANNO 47° - n. 37 del 15 Settembre 2021

URBS INFORMAZIONI

Settimanale a carattere informativo, culturale, tecnico, sportivo

esce il mercoledì

Autorizzazione Tribunale di Roma n. 14621 del 03.07.1972 - Proprietario, editore, direttore responsabile: Maurizio Longega

Direzione, redazione, amministrazione: via Cesare De Fabritiis 133, palazzina a, box 9, 00136 Roma

Tel. 330734215

CORRISPONDENZA - POSTA ELETTRONICA: mlongega@quipo.it

SITO: http://www.longegamaurizio.it

stampa in proprio in soluzione informatica - divulgazione gratuita - le notizie possono essere liberamente riprodotte

in caso  di cattiva ricezione o messaggio incompleto contattare il numero telefonico 330/734215

Il settimanale Urbs Informazioni offre un servizio, non effettuata intermediazioni e non riceve commissioni,

non risponde del contenuto e della puntualità di uscita degli articoli, nonché degli annunci e della pubblicità.

Non è responsabile di eventuali ritardi e/o perdite causate da mancata o errata pubblicazione.

Non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni nella pubblicazioni di notizie, annunci, leggi, ordinanze o bandi di concorso o parti di essi.

La collaborazione sarà richiesta solo dalla direzione che si riserva il diritto, a suo insindacabile giudizio, di pubblicare, ripetere, rifiutare o sospendere le inserzioni, gli articoli,.

Le foto ricevute,  anche se non pubblicate, non saranno restituite.

Gli articoli pubblicati con  nome e cognome dell’autore rispecchiano soltanto il pensiero dell’articolista.

Gli spazi presenti nel sito: “longegamaurizio.it” sono parte integrante del settimanale

a carattere informativo, culturale, tecnico, sportivo “Urbs Informazioni”

 

Dal 1° gennaio 2009 sulla linea 0639722092 non è più attivo il fax,

comunicazioni  solo per  posta elettronica.

 

2ML

Direttore responsabile

Maurizio Longega

 

In questo numero

 

Roma Capitale

Rifiuti: la farsa

 

Piccoli Comuni

Quale senso e che costi

L’irrazionale amministrativo

 

Metadone e Reddito di cittadinanza


Notizie anche negli spazi:

 

·                    Sport

 

·                    Notizie utili

 

·                    Istruzione

 

Roma Capitale

Rifiuti: la farsa

 

Gira nuovamente la notizia che la Regione Lazio vuole commissariare il Comune di Roma per inadempienze relative al piano dei rifiuti.

A meno di un mese dalle elezioni comunali, è cosa da non credere e burla.

Motivo del contendere è la mancata indicazione da parte del Sindaco di Roma Capitale, signora Virginia Raggi, di un sito per una discarica comunale.

Una discarica, la soluzione più inquinante per l'ambiente e la salute dei cittadini.

Di termovalorizzatori non se ne parla, sia alla Regione che al Comune.

Così i rifiuti romani viaggiano in Italia e all'estero con notevole aggravio per le tasche dei contribuenti della Capitale.

Dall’elezione della Raggi sono trascorsi cinque anni e il Comune non ha risolto il problema dei rifiuti che appestano Roma. Allo stesso tempo, la Regione Lazio, in cinque anni, non ha trovato il tempo per commissariare la Raggi.

Ora, la Raggi si presenta nuovamente per governare la Capitale d'Italia e la Regione, certamente, rinvierà il commissariamento, nel frattempo i rifiuti continueranno ad ammorbare l’aria della Città Eterna e una soluzione non si intravvede.

Gli elettori romani, di conseguenza, seguano con attenzione i programmi dei candidati a sindaco che offrano un’idea concreta e innovativa di quello che la città può e deve fare per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

 

Piccoli Comuni

Quale senso e che costi

L’irrazionale amministrativo

 

In Italia esistono comuni che hanno una trentina di abitanti oppure, per una superficie di 0,2 Km, hanno 4.310 abitanti (densità da metropoli).
La questione è venuta alla luce, perché a Morterone, provincia di Lecco, regione Lombardia, paese di una trentina di abitanti, alle prossime elezioni comunali di ottobre, l’unica lista che si presenta è di un partito gay.

Scontato che la segretezza del voto va a ramengo, ma quale bilancio e quale amministrazione avrà Morterone e così tutti i comuni di tale numero?

Come un condominio? Forse, ma con poteri ben diversi sulla vita dei propri amministrati.

Giustifica l’autonomia di un’amministrazione che, per l’appunto, viene scelta col voto, l’avere una propria storia, identità, specificità, tradizione e inflessione dialettale?

Allora, è bene ricordare che una delle svolte importanti (pur se ancora incompiuta) delle nostre amministrazioni territoriali, è stato il varo delle città metropolitane, 14 ad oggi.

Abolite le province, l’identità di problematiche di governo del territorio ha portato a queste aggregazioni che, al momento, non sono ancora, per esempio, con poteri come metropoli del tipo di Parigi o Londra, ma teoricamente sono sulla strada.

In questo contesto, che è anche quello della tecnologia digitale, abbiamo questi paesi di una trentina di abitanti. Entità che rispondono ad una sana economia di costi ed efficienza oppure solo alla giustificazione di un sovranismo territoriale?

Sembra una irrazionalità, dove penalizzati sono gli amministrati. Infatti, quali servizi comunali potranno avere da un amministrazione tipo condominiale, con bilancio da condominio?

 

Metadone e Reddito di cittadinanza

 

Nostro sondaggio tra i cittadini di Roma Capitale residente nel 1°, 13° e 14° Municipio.

 

Il paragone “Reddito di cittadinanza” e “Metadone di Stato” che Giorgia Meloni sbandiera, indica ignoranza e approssimazione.

La signora Meloni sembra non avere dimestichezza con il mondo della tossicodipendenza e neppure con il mondo delle droghe illegali, nonostante lei sostenga il contrario in dichiarazioni e iniziative di stigmatizzazione di ogni droga che non siano alcol o tabacco.

Cosa c’entra il metadone con i percettori del “Reddito di cittadinanza”?

Nulla.

La leader della destra gioca sull’ignoranza media in materia e la facile associazione di metadone, droga di Stato. alle droghe illegali proibite in Italia.

Allo stesso tempo, massacra le persone che, grazie al metadone, si sono reinserite in società, riconquistando la vita.

Ora, chi si propone alla guida dell’Italia è bene, che prima di parlare, si informasse oppure si consultasse con persone competenti e non far sì che questo gioco politico appaia ignorante e perfido.

 

SPORT 

 

Silca Ultralite Vittorio Veneto sfiora il podio ai tricolori giovanili di duathlon

 

Silca Ultralite Vittorio Veneto sfiora il podio ai campionati italiani giovanili di duathlon andati in scena nel weekend a Cuneo. Per il team vittoriese il quarto posto con la staffetta Junior, composta da Giulia Secchi, Matteo Sfregola, Matilde Dal Mas e Giacomo Mazzolin. Una grande prestazione per i giovani atleti, considerando anche che Secchi appartiene a due categorie inferiori (è ancora Youth A), Dal Mas a una (Youth B) e Mazzolin è al primo anno di duathlon - triathlon.

Il bottino della spedizione piemontese si è arricchita anche del quinto posto di Giulia Secchi nella prova individuale, riservata appunto alla categoria Youth A. Bene anche le prove al Trofeo Italia Giovanissimi (per la categoria Ragazzi) con il secondo posto di Riccardo Cenedese e il quinto di Rebecca Gava. In una gara di contorno sui 1000 metri, riservata agli atleti non impegnati nelle staffette ragazzi, vittoria per entrambi i portacolori di Silca Ultralite, Cenedese e Gava.

Bravissimi anche gli altri componenti del gruppo che nella trasferta ha coinvolto in totale 12 atleti, dai 12 ai 19 anni.

“Ancora una volta il nostro gruppo, seppur poco numeroso rispetto agli squadroni delle grandi città, si conferma protagonista anche nelle fasi nazionali – commenta il presidente di Silca Ultralite Vittorio Veneto, Aldo Zanetti – in alcuni casi siamo anche saliti sul podio giovanile che è allargato a sei posti. È stata una bella stagione, ora l’ultimo appuntamento di quest’anno, la Coppa delle Regioni a Sanremo dove saremo presenti con ben 10 atleti in rappresentativa veneta”.  

 

Nuova ristampa per "LEGGENDE OLIMPICHE" di Vigorito

 

All’indomani delle vittorie azzurre a Tokyo 2020 con il record assoluto di medaglie conquistate dall’Italia, si torna a parlare dei campioni dello sport internazionale con la prima ristampa del libro “Leggende Olimpiche: i 100 momenti cruciali che hanno infiammato i Giochi Olimpici” (288 pp., 28.00 €) scritto da Giampiero Vigorito.

Dopo aver registrato un notevole successo di vendite nel corso degli eventi agonistici di questa XXXII edizione, posizionandosi in cima alle classifiche di settore dei maggiori store digitali, partirà oggi venerdì 10 settembre una nuova staffetta per il volume che verrà presentato in diverse città italiane, coinvolgendo nel dialogo alcune tra le voci più appassionate della narrazione olimpica.

Uscito per Iacobelli Editore a fine luglio con la prefazione del telecronista Sandro Fioravanti e la partecipazione di storiche firme del giornalismo sportivo, il libro è nato da una serie di podcast che l’autore Giampiero Vigorito ha curato per Rai Radio3 in occasione dei Giochi di Londra 2012, di Rio 2016 e di Tokyo 2020, questi ultimi recentemente trasmessi all’interno del programma Pantagruel. Episodi che rievocano, in radio come nel libro, da Atene 1896 ai giorni nostri i successi e le sconfitte nelle competizioni vissute da parte dei protagonisti indimenticabili delle gare a 5 cerchi.

Da Jesse Owens a Cassius Clay, da Mark Spitz a Carl Lewis, da Pietro Mennea ai fratelli Abbagnale, da Novella Calligaris a Jury Chechi, Leggende Olimpiche” narra, anche attraverso le oltre 300 fotografie inedite prima d’ora, le imprese di 100 miti leggendari “cristallizzate nell’archivio dei nostri ricordi. Che ci hanno accompagnato negli anni, davanti alla radio o a una televisione a colori o in bianco e nero, in un salotto inondato da amici o in completa solitudine, a un orario impossibile o sprofondati su un divano in pieno giorno”. Per rivivere la magia di un racconto che continua ad emozionare. 

Gli appuntamenti di “Leggende Olimpiche”:

25 SETTEMBRE FASANO

Teatro Sociale ore 20.30

Ospiti Corrado Minervini e Gianni Rotondo

28 SETTEMBRE ROMA

Libreria ELI ore 21.00

Ospiti Marco Lodoli, Sandro Fioravanti e Giorgio Zanchini

2 OTTOBRE PARMA

Auditorium Palazzo del Governatore

Ospite Sebastian Bacchieri

 

NOTIZIE UTILI

 

NELLA REGIONE VENETO

RICOSTRUIAMO I BOSCHI

AL VIA IL PROGETTO EUROPEO “VAIA”

 

Il progetto dovrebbe essere preso a modello da Regioni, enti pubblici e soggetti privati per ricostituire i boschi distrutti da eventi estremi

 

Ha preso il via con il kick-off meeting presenti tutti i partner, il progetto LIFE VAIA, acronimo di “Valuing Afforestation of damaged woods with Innovative Agroforestry” (Valorizzare la riforestazione di boschi danneggiati attraverso l’agroforestazione innovativa), che punta a sviluppare e valorizzare i prodotti e i servizi sostenibili nelle aree boschive distrutte da eventi naturali, aumentando così la resilienza ecologica, economica e sociale  degli ecosistemi forestali al fine di affrontare i cambiamenti climatici.

Il progetto della durata di cinque anni, con un budget di quasi 6 milioni di euro, vede quale soggetto capofila l’Azienda Rigoni di Asiago e tra i partner, oltre a Veneto Agricoltura, altri nove soggetti: Università di Padova-Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF); Fondazione Edmund Mach (Tn); Comune di Asiago; Comune di Gallio; Association Française d’Agroforesterie (Francia); World Biodiversity Association (WBA); Fiera Longarone Dolomiti; Università di Santiago di Compostela (Spagna) e Venetian Cluster.

In estrema sintesi, il progetto prevede: la ricostituzione, nelle aree colpite da disastri naturali, del manto forestale con specie e varietà vegetali più adatte al clima di oggi e a quello futuro; l’introduzione di coltivazioni biologiche temporanee, in particolare di mirtillo e altri piccoli frutti selvatici; la valorizzazione delle produzioni apistiche.

Il progetto LIFE VAIA rappresenta un’importante opportunità per il territorio veneto che vede la ricaduta di 3,5 milioni di euro, risorse che saranno rivolte a riparare i danni subiti dalla tempesta VAIA di fine 2018 e essere un esempio trasferibile nei Paesi dell’Unione Europea.

 

Roma

L’acqua della Fontana delle Pelte nella Domus Augustana

torna a scorrere nel segno dell’impegno “green” del PArCo

 

Dal giorno 8 settembre 2021, l’acqua è tornata a scorrere nel segno dell’impegno “green” del Parco archeologico del Colosseo all’interno della Fontana delle Pelte ubicata nel cortile inferiore della Domus Augustana, il settore privato dell’immenso palazzo imperiale voluto dall’imperatore Domiziano sul Palatino.

Dopo anni di chiusura, il cortile del palazzo, un tempo porticato, viene nuovamente arricchito del rumore e dello scorrere dell’acqua all’interno della monumentale Fontana decorata dal motivo delle 4 pelte contrapposte, il cui nome richiama la forma degli scudi indossati dalle Amazzoni.

Proseguendo nel progetto di rifunzionalizzazione di tutte le fontane antiche e moderne del Parco archeologico del Colosseo, avviato nel giugno del 2019 con il ripristino del Ninfeo degli Specchi e della Fontana dei papiri all’interno degli Horti Farnesiani, oggi è la volta della Fontana che in età romana allietava le passeggiate della corte imperiale tra lo Stadio e le stanze private affacciate sull’immensa valle del Circo Massimo.

L’intervento, che si configura come una vera installazione cui è stato associato il motto latino “Instar aquae tempus – Il tempo scorre incessantemente come l’acqua”, è stato curato dall’arch. paesaggista Gabriella Strano ed è stato attuato nel pieno rispetto del valore e dell’importanza dell’acqua e della necessità di operare strategie di adattamento alle nuove realtà climatiche.

Per questa ragione all’inaugurazione è stato presente il geologo e divulgatore Mario Tozzi che ha dialogato con il Direttore del Parco archeologico del Colosseo Alfonsina Russo, sull’approccio green del PArCo e sul tema dei grandi cambiamenti climatici e delle loro ricadute sui beni culturali e sul patrimonio in generale.

L’installazione, accompagnata da note musicali e nuvole profumate che si sono alternate secondo ritmi stagionali o legate ad arcaiche festività, è visibile a tutti dall’affaccio superiore della Domus Augustana.

 

IL GIOCO DEL CALCIO INQUINA, MA DIVENTA OCCASIONE PER LAMBIENTE

 

Il 44% della popolazione mondiale si interessa al calcio determinando un notevole impatto ambientale sullecosistema sia a livello locale che globale» avvertono gli esperti di Ener2Crowd.com, la piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico che ha deciso di impegnarsi per bilanciare le emissioni di CO2 della nostra Nazionale.

Gli appena conclusi Europei di Calcio, vinti dallItalia, costituiscono ledizione più inquinante della manifestazione sportiva più importante per il nostro continente. Secondo le stime degli analisti di Ener2Crowd.com, la prima piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico, a causa della scelta di una logistica diffusa, con così tante destinazioni per i tifosi e per le squadre, sono state emesse ben 450 mila tonnellate di CO2.

Per compensare queste emissioni bisognerebbe piantare 13,5 milioni di alberi, sostengono gli analisti di Ener2Crowd.com, smontando l’idea che ne bastino solo 600 mila affermata dalla South Pole Carbon Asset Management.

Questo dato è assolutamente errato in quanto corrisponderebbe ad appena un 4% dellobiettivo reale che si vorrebbe raggiungere: 600 mila alberi impiegherebbero infatti 23 anni per azzerare l'impronta di carbonio prodotta dagli eventi calcistici di questi ultimi giorni» sottolinea Giorgio Mottironi, co-fondatore di Ener2Crowd nonché chief analyst del GreenVestingForum.it, il forum della finanza alternativa verde, che si è fatto anche promotore della partecipazione della società all’Ecofuturo Festival 2021 a Padova.

Seicentomila alberi rappresentano solo un tentativo di greenwashing”. Si è cercato di spostare istantaneamente” della CO2 dalla geosfera all’atmosfera, sostenendo che gli effetti che ne conseguono si possano ritenere compensati da un successivo travaso verso la biosfera che durerà 23 anni, affidando la responsabilità di un atto compiuto nel presente ad un futuro ipotetico ed alle difficoltà che in quel futuro dovranno affrontare le generazioni a venire» sostiene lanalista capo.

Secondo le stime di Ener2Crowd, considerando che ogni albero è in grado di assorbire 30kgCO2/anno, la quantità reale di fusti che si dovrebbero piantare per compensare subito le «emissioni Uefa» è di 13,5 milioni di alberi, con un costo di almeno 65 milioni di euro.

Il problema calcio e ambiente è tuttavia ben maggiore. Il 44% della popolazione mondiale si interessa al calcio determinando un notevole impatto ambientale sullecosistema sia a livello locale che globale, avvertono gli esperti di Ener2Crowd.com.

LItalia ha dimostrato di poter essere guida dellEuropa calcistica ed altrettanto dovrebbe fare nel campo della transizione energetica e sostenibile. Lo può fare perché ne ha le conoscenze, le competenze e le tecnologie esecutive, asserisce Niccolò Sovico, ideatore e co-fondatore di Ener2Crowd.com.

Per dare un segnale in tale direzione Ener2Crowd ha deciso di compensare tutte le emissioni di CO2 causate dalle trasferte aeree della Nazionale Italiana di Calcio, pari a circa 93 mila tonnellate, piantando immediatamente 3.107 alberi nel proprio programma di riforestazione Il Bosco dellEnergia” portata avanti con il partner TreeNation.

 

ISTRUZIONE

 

CORSO

Il Piano editoriale

5 Ottobre – ORE 9.30-18

 

Cos’è un piano editoriale? Come si realizza? A cosa serve?  Stefania Rivetti ci aiuterà a capire come realizzare un piano editoriale utilizzando gli strumenti più efficaci per gestirlo in modo professionale.

Il piano editoriale è uno strumento strategico per l’organizzazione dei contenuti sui diversi canali di comunicazione aziendali ma anche personali. Costruire un buon piano editoriale è fondamentale per comunicare in maniera efficace e coerente, soprattutto sul web.

Nel corso del Webinar si apprende come:

Realizzare un piano editoriale efficace;

Utilizzare un piano editoriale;

Individuare i canali e i contenuti più adatti al proprio pubblico di riferimento;

Scegliere gli strumenti giusti e i migliori tool;

Valutare i pro e i contro dei principali social network in base al proprio target;

Pianificare le pubblicazioni e misurare i risultati ottenuti.

Docente: Stefania Rivetti.

Costo del webinar: 120 € 99 € in Early Booking fino al 21 Settembre.

Si potrà seguire il webinar sia da computer che da smartphone o tablet.

Durante il corso sarà possibile: vedere e sentire il relatore, porre domande via chat, vedere le slide, partecipare alle discussioni. Al termine del corso verranno inviati a tutti il materiale didattico e l'attestato di partecipazione.

Centro di Documentazione Giornalistica

Piazza di Pietra 31 – 00186 Roma

info@cdgweb.it -tel.  +39 06 69940143

 

Social Media Manager

 

Social media sono ormai leve imprescindibili nella comunicazione della propria organizzazione, del proprio brand o della propria azienda, vitali non soltanto in chiave di vendita, ma anche e soprattutto per creare, aggregare, alimentare una community di stakeholder e brand ambassador. Con oltre due miliardi di utenti attivi al mese su Facebook e YouTube, uno su Instagram, e centinaia di milioni su LinkedIn, Twitter, TikTok, Pinterest, è importante avere una strategia e un piano d’azione. E qui entra in gioco il social media manager.

Nel corso del Webinar si apprende come:

Scegliere i social media in linea con gli obiettivi di comunicazione e i pubblici di riferimento;

Tradurre in grafiche social l’immagine aziendale e le linee editoriali;

Dettare le regole d’ingaggio per la community social e moderare le conversazioni;

Pianificare i contenuti;

Definire il piano editoriale social e monitorarne le performance;

Analizzare le evoluzioni dei social network, aggiornarsi e prevedere possibili rischi o opportunità;

Conoscere gli strumenti utili al lavoro del social media manager.

Costo del webinar: 120 € 99 € in Early Booking fino al 15 Settembre.

Docente: Stefania Rivetti.

Si potrà seguire il webinar sia da computer che da smartphone o tablet.

Durante il corso sarà possibile: vedere e sentire il relatore, porre domande via chat, vedere le slide, partecipare alle discussioni.

Al termine del corso verranno inviati a tutti il materiale didattico e l'attestato di partecipazione.

Centro di Documentazione Giornalistica

Piazza di Pietra 31 – 00186 Roma

info@cdgweb.it -tel.  +39 06 69940143

 

Overview on social media

rendere SMART anche la presenza on line

 

In un’epoca in cui la distanza fisica rende sempre più importante fare “networking” virtuale, diventa di rilevante importanza conoscere e saper gestire la propria presenza social (e quella del proprio team). Da Facebook a Linkedin a Twitter, a Youtube, passando per Istagram.

Quali sono le differenze?

Quali sono i pubblici di riferimento?

Quali sono le possibili azioni di networking e comunicazione nei diversi social?

A chi si rivolge

Imprenditori, Professionisti del mondo HR e Responsabili di Funzione che vogliono essere protagonisti nelle nuove Smart Organization.

Obiettivi

Comprendere i trend in atto nel mondo dei social media, sia a livello globale che a livello Italia, con una panoramica su target di riferimento, tassi di crescita, punti di forza e di debolezza di ciascun social media al fine di comprendere comportamenti e abitudini dell’utenza, strumenti per raggiungerla, opportunità ma anche rischi da considerare nel pianificare una strategia social di visibilità e networking.

Live streaming

Partecipi Live e rivedi le lezioni quando e dove vuoi

Materiale PDF

Scarichi le slide e gli approfondimenti del percorso

Durata 6 ore

Gli argomenti sono divisi in 2 sessioni, ciascuna di 3 ore

Da ogni Device

Puoi seguire le lezioni da PC, tablet e smartphone

Il formatore

Alessandro Ingala

Consulente di marketing digitale ed esperto in Lead Generation, aiuta le aziende a migliorare le performance di Digital Marketing e sales

INFORMAZIONI

S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SrL - TEL. +39 02 4691501 – segreteria.sa@grupposantagostino